Come un tarassaco soffiato: la delicatezza di Silvia Bächli.

Image

Silvia Bachli – veduta della mostra presso la galleria Raffaella Cortese – Milano

Silvia Bächli (Baden, 1956) potrebbe sembrare un’artista astratta, ma la gestualità delle sue linee tirate fino alla massima estensione del braccio e i suoi soffusi riferimenti alla realtà, la pongono in un limbo espressivo, da cui riesce a uscire con la forza gentile di un linguaggio delicatamente ordinato, che ammorbidisce, in un proficuo dialogo, i tubi a vista e il razionalismo dello spazio seminterrato di Raffaella Cortese. Continua…

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: